Procedure Fallimentari

Procedure fallimentari è il software di Ipsoa che guida il curatore in tutto il percorso per redigere il fallimento, dall'accettazione dell'incarico alla chiusura della procedura.

Il Software Procedure fallimentari nasce dall'esperienza ventennale di IPSOA nel settore gestionale per il curatore fallimentare e integra un attento studio della materia alle esigenze operative del professionista. Offre ai curatori l'opportunità di effettuare un consistente salto di qualità, garantendo una più razionale gestione di tutte le attività previste dalle procedure concorsuali.

Caratteristiche e funzionalità

Rubrica di studio: consente la condivisione dei dati anagrafici comuni a più fallimenti velocizzando la compilazione delle schede anagrafiche e riducendo le possibilità di errori Agenda scadenze: un utile strumento per aiutare il curatore a rispettare le numerose scadenze e a districarsi fra i numerosi impegni che caratterizzano la sua attività Fascicolo del fallimento: raccoglie in un'unica maschera tutte le informazioni di carattere generale della procedura, numero e data della dichiarazione di fallimento, dati anagrafici della procedura, del giudice delegato, del comitato dei creditori, dei soci, le date cardine della procedura.

Visualizza informazioni riassuntive aggiornate sui riparti eseguiti, sulla stratificazione e dimensione del passivo, dell'attivo e sui principali saldi contabili. Dal fascicolo è possibile archiviare e indicizzare la documentazione in formato elettronico riferita alla procedura Gestione dello stato passivo: permette di gestire in un'unica maschera i dati anagrafici dei creditori,dei surrogatari e dei domiciliatari, le insinuazioni, le ammissioni, le osservazioni allo stato passivo,il prospetto delle liquidazioni dei crediti effettuate, i documenti archiviati e indicizzati correlati al creditore Gestione dello stato attivo: suddiviso in attivo da beni, recupero crediti e revocatorie, consente la registrazione delle categorie di attivo, comprensive fra l'altro di uno strumento di stima delle rimesse in conto corrente revocabili.

Dalla gestione dell'attivo è possibile archiviare documenti quali perizie, fotografie, planimetrie e fatture e visualizzare i movimenti contabili connessi Gestione del contenzioso: le schede dedicate al contenzioso coadiuvano il curatore nella gestione delle controversie che spesso accompagnano l'iter della procedura Piano di riparto: l'elaborazione del piano di riparto si basa su algoritmi di calcolo a lungo collaudati, approfonditi con il contributo di numerosi e autorevoli consulenti alla luce della giurisprudenza corrente. Il software, sulla base dello stato passivo, dell'attivo disponibile mobiliare ed immobiliare, dello stato di liquidazione dei beni speciali e degli eventuali riparti precedenti, considera i privilegi in conformità alle vigenti disposizioni di legge, effettua il calcolo automatico degli interessi e della rivalutazione e procede alla liquidazione dei crediti.

Non esistono limiti al numero di piani di riparto da elaborare. Le elaborazioni effettuate danno luogo a proposte di piano di riparto che possono essere annullate oppure confermate e rese definitive dopo l'approvazione Stampe: Procedure fallimentari dispone di un ricco elenco di stampe tra le quali il giornale del fallimento, l'elenco cronologico, lo stato passivo, l'elenco dei beni inventariati, la relazione periodica. Tutte le stampe sono esportabili sui più diffusi programmi di elaborazione testi e gran parte di esse sono personalizzabili ed esportabili su foglio di calcolo Comunicazioni: il software dispone di modelli di tutte le principali comunicazioni da inviare ai creditori.I modelli sono personalizzabili e integrabili con quelli già in uso presso i curatori. Procedure fallimentari velocizza e semplifica notevolmente l'attività ripetitiva della predisposizione delle comunicazioni grazie all'integrazione automatica dei modelli di comunicazione con i dati memorizzati negli archivi della procedura, garantendo un risultato affidabile e di qualità.

Con un'unica operazione vengono prodotte le lettere, l'elenco delle raccomandate e le etichette degli indirizzi. Il programma predispone anche il file utilizzabile con il servizio di comunicazioni online per curatori fallimentari di Postel Strumenti di utilità: sono a disposizione del curatore ulteriori strumenti utili per la sua attività: il calcolo del compenso, lo stimatore degli importi revocabili, il calcolatore degli interessi, delle rivalutazioni e degli interessi sul capitale rivalutato, un ricco formulario personalizzabile e integrabile con le formule già utilizzate dal curatore e collegato al sistema di archiviazione documentale interno al software, lo stimatore dell'illegittimo anatocismo e delle somme indebitamente trattenute dalla banca nonchè strumenti di stima e verifica dell'attivo realizzabile e del passivo accertato.

Contabilità: le diverse funzioni del software alimentano la contabilità del fallimento e del curatore. La prima nota consente di inserire nuove registrazioni e di modificarle movimentando un piano dei conti precaricato e personalizzabile. Ad ogni conto è associato un mastro che guida l'aggregazione dei saldi nelle relazioni periodiche e nel pannello di predisposizione del riparto. Numerose stampe contabili di verifica consentono una verifica puntuale delle movimentazioni registrate Riforma: il software viene continuamente adeguato alle evoluzioni normative e giurisprudenziali e contiene una rassegna di documenti, statistiche, studi e commenti sulla materia fallimentare e in particolare sulla riforma Interoperabilità con il programma informatico ministeriale APC: il Software IPSOA esporta in formato xml i documenti richiesti dal programma informatico ministeriale APC, realizzando l'interoperabilità fra i due applicativi Integrazione con le Dichiarazioni Fiscali IPSOA: il Software Procedure fallimentari dialoga con l'Anagraficaunica IPSOA e le Dichiarazioni fiscali L'integrazione con la Guida Operativa: il Cd-Rom "Il curatore fallimentare", di taglio marcatamente operativo, è richiamabile in ogni momento dalla procedura e garantisce in modo rapido e mirato l'approfondimento degli aspetti essenziali di quella specifica fase della procedura, permettendo l'ottimizzazione delle diverse mansioni che il curatore deve svolgere in funzione del proprio incarico professionale.


Vantaggi

L’attività operativa di gestione di un fallimento rappresenta uno degli aspetti più critici e ripetitivi del lavoro del curatore. L’utilizzo di uno strumento software permette al professionista un’organizzazione più razionale del lavoro, dalla fase iniziale di accettazione dell’incarico fino alla chiusura della procedura. Il software garantisce il rispetto delle scadenze e delle disposizioni legislative e conferisce speditezza all’operatività del curatore.